Yoga: Scienza della Mente

Questo il tema al centro del Convegno in programma ad Assisi dal 23 al 25 marzo 2018.

Yoga: scienza della mente sarà il tema del Convegno 2018 della Federazione Italiana Yoga (FIY) che si svolgerà dal 23 al 25 marzo 2018 nel suggestivo e incomparabile scenario di Assisi, la città medioevale nel cuore dell’Umbria dichiarata Patrimonio dell’umanità dall’Unesco, luogo in cui si respira un’atmosfera unica di spiritualità e pace che si accompagna alla bellezza della natura circostante. È la città natale di san Francesco, figura straordinaria che, attraverso la sua grande forza di unità e sintonia con il creato, rappresenta il principio stesso espresso dallo Yoga.
I lavori si svolgeranno nella Cittadella Ospitalità, che ha già accolto con successo numerosi Congressi federali.
Si tratta di un’importante occasione di incontro, per esaminare e approfondire le tematiche riguardanti la visione della mente nello Yoga e nelle discipline scientifiche e psicologiche attuali. Saranno discussi aspetti relativi alla natura della mente, alla sua forza, al suo potere creativo e al suo legame con il corpo.
Investigare i suoi segreti è un’impresa difficilissima: la mente deve essere osservata e studiata; dal suo controllo e dalla padronanza dei suoi meccanismi da parte dell’essere umano, dipende il perfezionamento della vita individuale e sociale
Swami Sivananda parlando della forza della mente spiega: «I pensieri sono i semi latenti delle azioni
Solo le azioni della mente, e non le azioni del corpo, sono vere azioni. Pensiero e azione sono interdipendenti. La mente non esiste senza pensiero. I pensieri costituiscono la mente. Le parole non sono che l’espressione esteriore dei pensieri, i quali sono impercettibili … Il pensiero è limitato, è inadeguato a esprimere perfino processi temporali, per non parlare dell’Assoluto che è inesplicabile … I vostri pensieri si manifesteranno nella vostra vita; se siete coraggiosi, lieti, compassionevoli, tolleranti e gentili, allora queste qualità si concretizzeranno nella vostra vita fisica … La mente è come un leone in gabbia, sempre agitato; conosci il Sé, la mente irrequieta si placherà». Sono moltissimi e profondi gli interrogativi a proposito della mente che saranno materia di discussione e ai quali tenteranno di dare una risposta gli illustri ospiti che animeranno il Convegno.
I relatori saranno prestigiosi esponenti della tradizione dello yoga ed eminenti rappresentanti del mondo accademico e scientifico.
Sarà presente il dottor Ishwar V. Basavaraddi, direttore del prestigioso Morarji Desai Institute of Yoga, dipartimento del ministero della Salute dell’India, e redattore del Protocollo della Giornata Internazionale dello Yoga. Il dottor Basavaraddi ci porterà l’esperienza dei suoi studi e delle sue ricerche nel campo dello yoga e dello yogaterapia.
Swami Atmapriyananda, vicerettore dell’Università Ramakrisna Mission Vivekananda, laureato in fisica,è studioso dell’antica filosofia indiana e della scienza moderna; condividerà con noi le sue profonde conoscenze sul Vedanta e sulla meditazione.
Jacques Vigne (Swami Vigyananand), medico e psichiatra, ha studiato il legame fra benessere psicologico e insegnamento tradizionale dello yoga, con particolare riguardo alle tecniche di meditazione, delle quali ha analizzato il significato e l’effetto alla luce delle neuroscienze.
Giuliano Boccali, professore di indologia e lingua e letteratura sanscrita, prima all’Università Ca’ Foscari di Venezia e in seguito all’Università degli Studi di Milano per oltre quarant’anni, approfondirà l’aspetto della conoscenza dentro e oltre la mente attraverso un testo classico, gli Yoga Sutra di Patanjali.
Il professor Valerio Rossi Albertini, divulgatore ed esperto di fisica atomica e molecolare, rappresenterà la scienza e analizzerà l’energia e le sue forme approfondendo un tema che anche nello yoga è fondamentale.
I partecipanti al Convegno avranno, inoltre, la possibilità di seguire le meditazioni del mattino e interessanti laboratori condotti dagli ospiti.
Non mancheranno le pratiche, che saranno guidate da insegnanti della Federazione Italiana Yoga: Frida Nuzzo, Marisa Fausti, Alessandra Dechigi e Roberto Destro.

 
 
OSPITI E RELATORI:

OSPITI D’ONORE

DOTTOR ISHWAR V. BASAVARADDI
Il dottor Ishwar V. Basavaraddi è direttore del Morarji Desai National Institute of Yoga (MDNIY), un’organizzazione autonoma del ministero del-l’Ayurveda, Yoga e naturopatia, Unani, Siddha e omeopatia (AYUSH) del Governo dell’India, dal giugno 2005. In precedenza aveva lavorato per 16 anni all’Università Karnatak. Ha quindi più di 28 anni di esperienza professionale nell’insegnamento dello yoga, nella terapia e nella ricerca. Ha insegnato pratica e terapia yoga a più di 80mila persone di tutti i ceti sociali.
Dopo aver conseguito una formazione di base in scienze fisiche, il dottor Basavaraddi in seguito si è dedicato allo Yoga e alla filosofia dello Yoga e ha ottenuto due dottorati in educazione Yoga e in computer application. Ha approfondito lo studio presso eminenti istituti di Yoga e presso i migliori Maestri indiani.
Il dottor Basavaraddi ha partecipato a più di 320 conferenze e seminari nazionali e internazionali, presentando pubblicazioni di ricerca. Ha viaggiato spesso all’estero, dove ha rappresentato il MDNIY e molte istituzioni governative indiane. È il segretario generale fondatore della India Yoga Association, un organismo di autoregolamentazione delle più importanti istituzioni dell’India. È stato uno dei principali organizzatori delle celebrazioni per la Giornata Internazionale dello Yoga, organizzata dal Governo dell’India, e ha dato un contributo essenziale nello sviluppo dell’opuscolo del relativo Protocollo comune pubblicato in 15 lingue. È stato anche il cerimoniere della manifestazione a Rajpat, New Delhi, e ha guidato nelle pratiche i 40mila partecipanti, fra i quali anche il primo ministro indiano. Sotto la sua guida molte sono state le iniziative per divulgare e promuovere lo Yoga nel suo Paese e all’estero.

Titoli delle conferenze:
La mente nella concezione vedantica
Yoga e salute della mente

SWAMI ATMAPRIYANANDA
È vice rettore dell’Università Ramakrisna Mission Vivekananda. Ha studiato al Vivekananda College di Madras, dove si è laureato in scienze con specializzazione in fisica del-l’Università di Madras nel 1968. Nel 1971 ha conseguito il dottorato in fisica nucleare teorica al Presidency College dell’Università di Madras e nel 1975 il dottorato al Dipartimento di fisica teorica dell’Università di Madras. È stato professore di fisica al Loyola College dal 1975 al 1978.
Ispirato dall’ideale di “rinuncia e servizio” di RamakrishnaVivekananda, nel 1978 è entrato come brahmacharin alla Ramakrishna Mission. Assegnato al Ramakrishna Mission Vidyamandira, istituto residenziale per insegnare e collaborare nell’amministrazione, ne è stato vice direttore dal 1986 e direttore dal 1992 al 2005.
Ha presieduto il comitato che ha portato nel 2005 alla equiparazione a università dell’Istituto per l’educazione e ricerca Ramakrishna Mission Vivekananda con il nome di Ramakrishna University.
Nel 2008 e 2009 è stato relatore ai Convegni organizzati rispettivamente da Sarvayoga International e dalla Federazione Italiana Yoga. Nel dicembre 2009 è stato tra i conferenzieri del Parlamento mondiale delle religioni che si è svolto a Melbourne, in Australia. Nel febbraio del 2011 e nel marzo 2012 è stato tra gli invitati al Guerrand Hermes Forum per lo studio inter-religioso del misticismo e della spiritualità che è svolto in Marocco e Inghilterra. Nel marzo 2012 ha partecipato in Brasile al consiglio esecutivo della organizzazione non governativa Arigatou International, impegnata nella difesa dei diritti dei bambini e nelle promozione del dialogo inter-religioso, e in Italia ha preso parte al Convegno della Federazione Italiana Yoga.

Titoli delle conferenze:
Il Sole di mezzanotte - Alla scoperta della Luce Interiore
1,2,3 ... l’Infinito - Il quarto stato di coscienza

PROFESSOR GIULIANO BOCCALI
Milanese, settantuno anni, è stato per oltre quarant’anni professore di indologia e lingua e letteratura sanscrita all’Università degli studi di Milano, e in precedenza della stessa disciplina e di religioni e filosofie dell’India a Venezia, Ca’ Foscari. Studia in particolare la mitologia hindu, la letteratura buddhista più antica, la poesia classica, l’estetica sia letteraria sia figurativa e lo status delle passioni nella cultura indiana.
Fra le pubblicazioni si ricordano Le virtù dell’inerzia (Bollati Boringhieri, Torino 2006, curato con A. Sparzani), Passioni d’Oriente. Eros ed emozioni in India e Tibet (Einaudi, Torino 2007, curato con R. Torella), Induismo (Electa, Milano 2008, con C. Pieruccini) e diverse curatele delle edizioni italiane di grandi classici indiani: Poesia d’amore indiana (Marsilio,
Venezia 2009), Poesia indiana classica (Marsilio, Venezia 2009, curato con S. Lienhard). Fra le ultime pubblicazioni si ricordano L’epica indiana fra Mahabharata e poemi d’arte, in Tradizioni epiche e letteratura, a cura di G. F. Gianotti, il Mulino, Bologna 2011, pp. 31-55.
È membro dell’Accademia ambrosiana in classe asiatica e presidente onorario dell’Associazione italiana di studi sanscriti. Fra le attività extra-accademiche: direttore de Il Gange. Collana di classici indiani pubblicata da Marsilio, Venezia, a partire dal 1989; collaboratore fisso del supplemento domenicale de Il Sole 24 Ore per le religioni e le culture del sub-continente indiano; da anni docente di filosofia dell’India all’ISFIY di Milano.

Titolo della conferenza:
Scienza della mente, oltre la mente

JACQUES VIGNE (SWAMI VIGYANANANDA)
Dopo studi di matematica, si è orientato verso studi di medicina e psichiatria.

Ha ottenuto, come psichiatra, una borsa di studio dalla Fondazione Romain Rolland e dalla Maison des Sciences de l’Homme per ricerche, in India, sul rapporto tra la guarigione psicologica e l’insegnamento tradizionale dello yoga. Questo viaggio di studio si è trasformato in un colpo di fulmine, poiché vive in India da 24 anni. Segue l’insegnamento di Swami Vijayananda, un francese che è stato per trent’anni discepolo di Ma Ananda Moyi (fino alla morte di quest’ultima nel 1982). Ma Ananda Moyi conobbe un considerevole riconoscimento non solo in India, ma anche all’estero e questo grazie alla sua presenza, il suo modello di vita estremamente semplice e alla qualità dei suoi insegnamenti. Attualmente Jacques Vigne divide la sua esistenza fra un ashram sulle rive del Gange (un ashram è un luogo santo che risveglia nell’uomo pensieri divini) e un eremitaggio in Himalaya. Jacques Vigne è autore di importanti opere.
Nei suoi scritti egli è particolarmente attento a stabilire un ponte fra la psicologia moderna e la spiritualità, e fra pratiche di saggezza indiane e il cristianesimo.
Tra i titoli più recenti: L’ urgenza di una meditazione laica. Per la cura di sé e degli altri (2015), Il gioco delle parole aperte. Come imparare le lingue stimolando la mente (2015), Guarire con il sole e la terra. Rimedi e autoterapie per corpo e psiche (2014), Dalla depressione alla rinascita. Luci del vuoto. Un percorso psicoterapeutico e spirituale (2013), Meditazione, emozioni e corpo cosciente. Le pratiche meditative alla luce delle neuroscienze (2012).

Titolo della conferenza:
 Yoga, respirazione e assorbimento profondo: la calma attraverso il sistema nervoso autonomo

PROFESSOR VALERIO ROSSI ALBERTINI
Laureato con lode in fisica atomica e molecolare. Primo dottore di ricerca in Italia in scienza dei materiali.
Da vent’anni è docente di scienza dei materiali al Dipartimento di chimica dell’Università “La Sapienza” di Roma.
È professore straordinario del corso “Tecniche e linguaggi della comunicazione scientifica” al Dipartimento di scienza della comunicazione dell’Università Roma 2; responsabile della divisione “Fotonica di raggi X” del CNR e delle attività applicative del Superlaser Sparx; portavoce della giunta della International Union of Cristallography; autore di oltre 120 articoli di fisica, chimica, scienza dei materiali e ingegneria su riviste scientifiche internazionali; consulente del Sincrotrone Europeo di Grenoble ESRF; incluso nel 2010 nel prontuario Who’s Who in the World (biografie delle personalità più eminenti nei rispettivi settori di attività); scrittore di libri di divulgazione scientifica e saggista, conferenziere, consulente e ospite di trasmissioni di informazione, divulgazione e comunicazione scientifica, con oltre 800 apparizioni su reti nazionali nel 2013-2017 (Tg1; Tg2; Tg3; Tg4, Tg5, Tg7; Rai 1: Porta a Porta, Domenica in, Linea Verde, Linea Bianca, La vita in diretta, Uno Mattina, Mattino in Famiglia, Storie Vere; Rai2: Italia sul 2, Insieme, Punto di Vista, Dossier; Rai3: Alle Falde del Kilimajaro, Geo & Geo, Geo Magazine, Agorà, Mi Manda Rai3; Raieducational; RaiStoria; Skytg24: Il Pomeriggio di Paola Saluzzi e notiziari; Radiorai); conduttore per Raiscuola nel della rubrica Easygenius e nel 2015/2016 del programma scientifico Memex.

Titolo della conferenza:
Le forme dell’energia

 

LEZIONI PRATICHE

FRIDA NUZZO
Vive a Lariano (Roma), esercita la libera professione come psicologa psicoterapeuta e tiene corsi di yoga per in-segnanti della scuola primaria. Nel 2013 ha concluso la Scuola di specializzazione in psicoterapia strategica integrata. Nel 2008 ha conseguito il diploma per l’abilitazione all’insegnamento dello yoga all’ISFIY di Roma e in precedenza nel 2006 il Master in Operatore yoga per la scuola a Bologna.

Titolo della pratica:
 Panta Rei: Il nostro Tempo e la cura del Sé
Un tempo che scorre troppo velocemente, un tempo rimpianto o un tempo rinnegato. Troppo spesso si usa dire che non ne abbiamo mai abbastanza o che lo vediamo scorrere fugacemente.
Perché, invece, non potenziare la concezione del Tempo e viverlo con coscienza e consapevolezza, nell’ottica di non subirne gli effetti ma viverlo appieno, utilizzandolo come risorsa evolutiva per la Cura del Sé.

MARISA FAUSTI
Insegnante diplomata della Federazione Italiana Yoga dal 2006, è iscritta all’Albo professionale federale, pratica yoga dal 1977. Si è formata con Maestri orientali e occidentali tramite seminari e convegni, soprattutto della FIY. Ha insegnato yoga in due licei di Rovigo, dove era docente di lingua e letteratura francese, all’Università popolare polesana di Villadose (Rovigo), per diverse associazioni e dal 2010 insegna solo per l’associazione Sattvika di Rovigo, di cui è membro fondatore.

Titolo della pratica:
• Asana: esperienza nel corpo fisico e ricerca di profonda armonia e di pace mentale.

ALESSANDRA DECHIGI
Ho iniziato a praticare yoga nel 1980 nella sede di Roma della Grande fraternità universale (GFU).

Dopo circa dieci anni di pratica da allieva, ho cominciato a insegnare nella stessa Scuola della GFU seguendo le indicazioni della sede centrale GFU Ashram in Venezuela.
Nel 2005 ho conseguito il diploma della Federazione Italiana Yoga. Sono abilitata all’insegnamento delle tecniche yoga a livello italiano ed europeo e sono iscritta all’Albo degli insegnanti yoga per la Regione Lazio. Ho continuato a frequentare corsi e seminari di approfondimento e specializzazione con numerosi Maestri di livello internazionale.
Attualmente insegno a Roma.

Titolo della pratica:
 Asana: il prezioso laboratorio del respiro

ROBERTO DESTRO
È insegnante della Federazione Italiana Yoga e insegna a Padova.

La disciplina dello Yoga della tradizione permea la sua attività quotidiana da svariati decenni, ma è come se fosse sempre il primo giorno.
Da quest’anno, dopo un triennio di affiancamento con il predecessore Enrico Scapin, è coordinatore della scuola di formazione insegnanti (ISFIY) di Padova. Si garantisce una costante informazione e aggiornamento attraverso la partecipazione a seminari con celebrati Maestri.

Titolo della Pratica :
 Lo Yoga quale stimolo alla pratica dell’umiltà



INDICAZIONI PRATICHE:
L’incontro avrà inizio venerdì 23 marzo 2018 alle ore 14.30 e terminerà domenica 25 marzo alle ore 13.00 con il pranzo incluso. 
Si consiglia di portare per le pratiche: tuta da ginnastica, tappetino, coperta di lana e cuscino per la meditazione.
 

QUOTA DI PARTECIPAZIONE: 
La quota di partecipazione per l’intero convegno è di: 

€ 170,00;
€ 150,00 per le prenotazioni effettuate entro il 15 febbraio 2018.
Per gli allievi ISFIY è prevista una quota agevolata di € 120,00.
I non soci dovranno iscriversi alla FIY pagando la quota associativa annuale di € 25,00, in aggiunta alla quota di partecipazione all’incontro.

I versamenti potranno essere effettuati tramite bonifico indicando la causale: Convegno Assisi 2018.

• Conto BANCOPOSTA: 
Codice Iban: IT85 B076 0112 7000 0003 5828 334
• Conto UBI BANCA – Agenzia di Sarzana:
Codice Iban: IT29 S031 1149 8400 0000 0040 150
• Con BOLLETTINO POSTALE:
Sul conto numero: 35828334.

La quota comprende tutte le attività previste dall’incontro, esclusi vitto e alloggio. 
Per iscriversi, inviare alla FIY, dopo avere effettuato il versamento, la scheda d'iscrizione online sul sito federale (cliccando il banner in alto).

oppure contattare telefonicamente la Segreteria dal lunedì al venerdì dalle 14.30 alle 16.30.

Al desk ricevimento Convegno, i partecipanti sono pregati di esibire la ricevuta dell’avvenuto pagamento e la tessera di socio della FIY, per ritirare il badge d’ingresso.

PRENOTAZIONE ALBERGHIERA:
La sistemazione avverrà presso la Cittadella Ospitalità

Via degli Ancajani, 3 – Assisi (PG) – Tel. 075 813231
Fax: 075 812445 – E-mail: ospitalita@cittadella.org
La quota globale, a persona, per l’intero soggiorno (2 giorni di pensione completa, dalla cena di venerdì 23 marzo al pranzo di domenica 25 marzo 2018) è di: 
• € 140,00 in camera singola per 2 notti;
• € 120,00 in camera doppia a persona per 2 notti; 
• € 116,00 in camera tripla a persona per 2 notti;
• € 112,00 in camera quadrupla a persona per 2 notti. 
La tassa di soggiorno in vigore dal 01/01/2018, da pagare in loco, è esclusa.

Le sistemazioni in camera saranno presso la Cittadella OspitalitàPalazzo Franchi (a 150 metri salendo 2 rampe di scale esterne) e Albergo Ancajani (a 50 metri senza scale).
Per altre sistemazioni alberghiere contattare:
Agenzia Mavitur di Assisi:
Tel. 075 812377 – 075 816147 – Fax: 075 816 351
e-mail: info@maviturviaggi.it

I pasti sono serviti per tutti in un’unica sala presso la Cittadella. 
Il menù è fisso e comprende l’acqua minerale ed il vino. 
La prenotazione alberghiera dovrà essere effettuata contattando direttamente la Cittadella Ospitalità precisando: 
 il tipo di sistemazione e gli eventuali nominativi per condividere la camera (se a più letti); 
• la preferenza per il pasto vegetariano o vegano;
• l’indirizzo e-mail dove ricevere la conferma dall’Ufficio Prenotazioni della Cittadella Ospitalità.

COME RAGGIUNGERE ASSISI:
In auto
Da Firenze (185 km) in due ore e mezzo circa con l’Autostrada del Sole (uscita Valdichiana); da Roma (175km) in due ore e un quarto circa con l’Autostrada del Sole (uscita Orte). Arrivati all’ingresso di Assisi, entrare nella zona a traffico limitato seguendo le indicazioni per piazza Giovanni Paolo II (nelle cartine di Assisi questa piazza è indicata con il vecchio nome piazza Unità d’Italia). Procedere per la strada che passa sopra il parcheggio, entrare da Porta san Francesco e scendere subito a destra per una ripida discesa in direzione della chiesa di san Pietro. Cinquanta metri dopo la chiesa di San Pietro, la prima strada a sinistra è via Degli Ancajani, dove si trova la Cittadella Ospitalità.

In treno
La stazione ferroviaria di Assisi Santa Maria degli Angeli (a 5 km dal centro, servizio di autobus), collegata con treni diretti da Roma, Firenze, Foligno, Terontola.

In aereo
L’aeroporto più vicino è quello di Perugia Sant’Egidio.

PROGRAMMA:


Venerdì 23 marzo 2018

14.30-15.00  Cerimonia di Apertura

15.00-16.15  Conferenza di Swami Atmapriyananda:

Il Sole di mezzanotte - Alla scoperta della Luce Interiore

17.00-18.15  Conferenza Dr. Ishwar V. Basavaraddi: La mente nella concezione vedantica

18.30-19.30  Pratica con Insegnanti FIY

20.00  Cena

21.30  Assemblea dei Soci

 

Sabato 24 marzo 2018

6.30-7.00  Meditazione condotta da Swami Atmapriyananda

7.15-8.15  Pratica con Insegnanti FIY 

8.30  Colazione

10.00-11.15  Conferenza Professor Giuliano Boccali:

Yoga Scienza della mente, oltre la mente

11.30-12.45  Conferenza Dr. Ishwar V. Basavaraddi: Yoga, e salute della mente

13.00  Pranzo

15.00-16.15  Conferenza Prof.Valerio Rossi Albertini:

Le forme dell’energia

16.30-18.00  Workshop 1 - Swami Atmapriyananda: Portare la spiritualità nella vita di ogni giorno (con riferimento ai Versi 2.55 e 6.20 della Bhagavad Gita)

Workshop 2 - Ishwar V. Basavaraddi: Yoga e benessere

Workshop 3 - Jacques Vigne: Il potere autoterapeutico degli stati di assorbimento del corpo e dello spirito

18.15-19.15  Pratica con Insegnanti FIY

20.00  Cena

21.30  Spettacolo con Egildo Simeone

 

Domenica 25 marzo 2018

6.30-7.00  Meditazione condotta da Jacques Vigne

7.15-8.15  Pratica con Insegnanti FIY

8.30  Colazione

9.30-10.45  Conferenza Jacques Vigne: Yoga, respirazione e assorbimento profondo: raggiungere la calma attraverso il sistema nervoso autonomo

11.00-12.15  Conferenza Swami Atmapriyananda:

1,2,3 ... l’Infinito - Il quarto stato di coscienza

12.15  Cerimonia di chiusura

13.00  Pranzo

 

INFORMAZIONI:
Segreteria FIY – Piazza Jurgens, 13 – 19038 Sarzana (SP)

Tel. 0187 603554 – Fax: 0187 625961
E-mail: info@yogaitalia.org
Facebook: Federazione Italiana Yoga


 

 

 

 

 

 

// LINK